emergenze

Immagine

Nuovo 112, un numero unico per tutte le richieste di emergenza

Dal 31 gennaio scorso è attivo anche in Piemonte il nuovo 112, il Numero Unico di Emergenza Europeo, attraverso cui sarà possibile contattare polizia, vigili del fuoco, soccorso medico e carabinieri.

Immagine

Conclusa la prima fase di Migrathon, il progetto per la sicurezza...

Si è chiusa il 4 dicembre con la vittoria del progetto "Africa en Route" la prima tappa della maratona digitale di Migrathon, l'iniziativa nata per realizzare un modello di app o piattaforma digitale a sostegno dei migranti interni in Africa Occidentale.

Immagine

Esercitazione in Croazia per il Technical Assistance Support Team della Protezione...

Si è svolta dal 17 al 21 ottobre a Zagabria una importante esercitazione della Comunità Europea, alla quale ha preso parte anche il modulo...

Il 13 ottobre è l’International Day for Disaster Reduction. On line...

Calamità naturali come incendi e inondazioni causano migliaia di morti ed ingenti danni economici in tutto il mondo. Negli ultimi 10 anni, secondo le...
Immagine

Disastri naturali. Ecco il team CSI che interviene dopo un’emergenza

Speciale Protezione Civile. Subito dopo un evento catastrofico la prima cosa a cui si pensa è salvare il maggior numero di vite. Ma subito dopo si inizia a lavorare anche per ridare a tutti, soccorritori e sopravvissuti, la possibilità di comunicare fra di loro e con l'esterno.

Immagine

Il CSI ad Amatrice. Un’esperienza difficile, ma ricca di valore

Speciale Protezione Civile. La notte del 24 agosto scorso Amatrice e molti altri paesi del Centro Italia sono stati colpiti da un terremoto che ha causato quasi 300 vittime. Nella mattina del 25 il CSI era già sul posto con il furgone attrezzato della Città Metropolitana di Torino.

Immagine

Furio Dutto: “La sintonia con il CSI è indispensabile”

Speciale Protezione Nazionale. Quella con il CSI è una collaborazione che dura da molti anni e che ha portato a interventi su scala nazionale in occasione delle più gravi emergenze. Ne abbiamo parlato con Furio Dutto, Dirigente del Servizio Protezione Civile della Città Metropolitana di Torino.

Protezione Civile e CSI in volo, grazie ai droni

Quando parliamo di CSI, pensiamo subito a grandi data center, servizi on line o sistemi informativi. Ma da oggi il CSI può contare su una nuova e particolare competenza: uno dei suoi dipendenti è fra i primi in Italia - per la pubblica amministrazione - ad avere ottenuto il brevetto ENAC di pilotaggio droni.

Da PTA/Destination un’app per i rischi delle merci pericolose

Conclusi i progetti PTA e Destination, un nuovo progetto europeo vuol valorizzarne i risultati e farli evolvere. Come? Permettendo il monitoraggio dei rischi relativi al transito delle merci pericolose in tempo reale e dando a chi si occupa di emergenza un'app per valutare i danni in caso di incidenti.

“In 20 anni più cultura e tecnologia”

Protezione Civile. L'alluvione del 1994 ha rappresentato un momento di svolta per l'intera comunità piemontese, che ne ha tratto l'impulso per far crescere il proprio sistema di protezione civile. Ne abbiamo discusso con Stefano Bovo, Responsabile del Settore Protezione Civile e Sistemi Anti Incendi Boschivi (AIB) della Regione Piemonte.

Alluvione in Piemonte, cosa è cambiato dal ’94?

Protezione Civile. Il 5 e 6 novembre 1994 una grave alluvione interessò gran parte del territorio piemontese. In questi giorni, a distanza di 20 anni, l'emergenza in Piemonte e in Liguria ne ha reso ancora più vivo il ricordo. Ma cosa è cambiato nel modo di affrontare un evento di proporzioni simili?

Protezione Civile, l’ICT è un alleato prezioso

Cosa deve garantire un efficiente sistema di Protezione Civile? Prima di tutto deve avere gli strumenti per prevedere e prevenire i rischi del nostro territorio in modo da mitigare gli effetti di ogni possibile calamità. Nel momento dell'emergenza, poi, deve essere in grado di gestirla con tempestività, assicurando la salvaguardia delle vite umane senza trascurare la tutela dell'ambiente naturale, il patrimonio culturale, la memoria storica, gli elementi di rilievo sociale ed economico. E infine, deve consentire rapidamente il ripristino delle normali condizioni di vita quando il peggio è passato.